Gli orti terrazzati di Ostuni e l’esperienza della Coop. Bio Solequo

Gli orti terrazzati di Ostuni e l’esperienza della Coop. Bio Solequo

Gli orti terrazzati di Ostuni e l’esperienza della Coop. Bio Solequo

Non tutti sanno che Ostuni, la bellissima “Città Bianca”, è cinta da orti urbani extra-moenia, appena al di fuori delle ex mura della città. Gli orti vennero realizzati, così come li vediamo oggi, nel Medioevo, nella località denominata “Giardini della Grata”. Tradizionalmente gli orti venivano denominati “giardini” e non è difficile ascoltare questo termine da alcuni anziani, che lo utilizzano, ancora oggi, per indicare la campagna. Nelle immediate vicinanza sorge invece la chiesa dedicata alla “Madonna della Grata”, che nel dialetto ostunese indica la schiena. Infatti leggenda vuole che un contadino, durante il lavoro nei campi, ebbe un forte dolore alla schiena e chiese l’intercessione della Vergine che gli concesse la guarigione. Per ricordare il miracoloso evento, grazie ad una colletta dei contadini, venne costruito in quel luogo un edificio dedicato alla Madonna, che diventò “Madonna della Grata”.

Continua a leggere l’articolo integrale su Biodiversitapuglia.it

Share

No comments.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.