Cicoria scattatora di Ostuni (antica varietà)

La cicoria da foglia “scattatora” (cichorium intybus L. – gruppo foliosum) è una varietà coltivata nel territorio ostunese.
La foglia è di tipo allungato con alla base una costa bianca croccante. La forma della foglia è liscia regolare e raggiunge una lunghezza di circa 25-30 cm.

Descrizione

La cicoria scattatora (cichorium intybus L. – gruppo foliosum) è una varietà coltivata nel territorio ostunese. Essa è studiata da BiodiverSO ed è una varietà candidata ad essere certificata come autoctona, in quanto è necessario trovare ulteriori informazioni etnobotaniche che testimonino che questa varietà è coltivata in loco da almeno 50 anni.

La foglia è di tipo allungato con alla base una costa bianca croccante. La forma della foglia è liscia regolare e raggiunge una lunghezza di circa 25-30 cm.

SEMINA

La cicoria scattatora si può seminare durante tutto l’anno, ma il periodo migliore è la primavera. Tradizionalmente viene seminata a spaglio o a file in terreni in pieno sole, così da ridurre la possibilità di un attacco di oidio. Una buona concimazione organica (letame maturo, stallatico, compost) aiuterà la pianta a mantenere le sue caratteristiche di vigoria e rusticità. L’impiego di pacciamatura, meglio se paglia, aiuta il terreno a mantenere ben organicato e non “bruciato” dal sole, oltre che a trattenere meglio l’acqua. Aspetto che storicamente è sempre stato importante per la scarsità di precipitazioni meteorologiche sul territorio ostunese, specialmente in estate.

Teme il freddo al di sotto dei 0° C.

RACCOLTA

Le foglie si raccolgono quando alla base ci sono almeno 4 o 5 foglie vere, che si riconoscono per la loro compattezza e colore verde intenso lucente. Si recide alla base delle foglie, lasciando il cespo interrato. Da esso ricacceranno ulteriori foglie, e grazie ad una raccolta fatta propriamente, è possibile coltivare la stessa pianta fino a 2 anni.

Esse vengono consumate crude o cotte. In quest’ultimo caso, tradizionalmente accompagnano il purè di fave, insieme ad altri ortaggi ed uva.

RIPRODUZIONE SEME

In inverno trapiantare le piante migliori su nuove porzioni di terreno preparato con nuova concimazione e terreno rivoltato. Salirà a seme in primavera. Il seme si raccoglie dal fiore azzurro-violaceo che viene emesso.

Share

Caratteristiche del prodotto

Nome botanico cichorium intybus L. - gruppo foliosum
Periodo di semina da marzo a maggio
Raccolta tutto l'anno
Durata del ciclo colturale 50 giorni
Zone di produzione Ostuni