Pomorodo giallo arancio di Crispiano [antica varietà pugliese]

Il pomodoro giallo arancio di Crispiano fa parte della famiglia delle Solanaceae.
E’ stato selezionato nei secoli dai contadini nell’area appunto di Crispiano, a nord di Taranto e al confine con la Valle d’Itria. Crispiano è sempre stata una città a forte vocazione agricola, tanto da considerarsi la “città delle cento masserie” per il numero di poderi sparsi per il territorio.

Descrizione

Il pomodoro giallo arancio di Crispiano fa parte della famiglia delle Solanaceae. Come gli altri pomodori ha le sue origini in America del centro-sud. Dopo la scoperta dell’America le tante varietà di pomodori sono state portate in Europa, ed i contadini le hanno selezionate per la loro produttività ed adattabilità pedoclimatica. Il pomodoro giallo arancio di Crispiano è stato selezionato nei secoli dai contadini nell’area appunto di Crispiano, a nord di Taranto e al confine con la Valle d’Itria. Crispiano è sempre stata una città a forte vocazione agricola, tanto da considerarsi la “città delle cento masserie” per il numero di poderi sparsi per il territorio.

Si tratta di una varietà molto rustica, soprattutto grazie alla sua capacità di tollerare molto bene gli stress idrici estivi. Il pomodoro ha una forma tondeggiante, il suo diametro varia dai 3 ai 4 cm ed è omogeneo tra i pomodori. Ha un colore che tende al giallo scuro/arancione ed una buona acidità naturale e leggermente erbaceo, che lo rende molto gradevole e fresco al gusto.

Quando coltivato in aridocoltura, il pomodoro presenta una buccia spessa e croccante. Questa condizione è ideale per la conservazione in cassetta ad uno strato o “nzerte”. Le ‘nzerte sono i grappoli di pomodori messi su uno spago che tradizionali che vengono appesi per la conservazione invernale (pomodori da serbo). Questa tecnica consente di mantenere più o meno costantemente la consistenza e turgidità del pomodoro addirittura fino a aprile/maggio dell’anno successivo alla raccolta. Inoltre, il calo di peso di questo pomodoro è molto basso, praticamente trascurabile.

Questa varietà di pomodoro è presente nell’Elenco Nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali del Mipaaf ed è un Presìdio Slow Food. BiodiverSO ha caratterizzato etnobotanicamente il pomodoro giallo arancio di Crispiano, e lo ha inserito nell’elenco degli ortaggi autoctoni pugliesi.

In cucina

Appena raccolto il pomodoro giallo arancio di Crispiano è ottimo in insalata e sulle bruschette, grazie alla sua acidità naturale e sapore leggermente erbaceo. Grazie alla sua polpa morbida e consistente è buono anche per il sugo, o per fare i pomodori scoppiati.

SCOPRI LE RICETTE CON I NOSTRI PRODOTTI

Dettagli agronomici del pomodoro giallo arancio di Crispiano

Si tratta di una varietà a crescita determinata. L’altezza media della pianta si aggira attorno i 60cm, ma può raggiungere anche i 70-80cm. Non essendo rampicante, quindi, la raccolta dei pomodori non è delle più comode. Dai pomodori del primo palco si ricavano i semi per l’autoproduzione.
In aridocoltura, dopo la messa a dimora le piantine sono innaffiate un paio di volte durante la prima settimana. Una buona pacciamatura con paglia aiuterà a contenere l’evaporazione dell’acqua irrigua e dell’umidità del terreno.
Prima della messa a dimora abbiamo utilizzato concime organico maturo opportunamente interrato e mescolato con la terra.

AVVICENDAMENTO: ideale la semina/messa a dimora dopo un sovescio. Dopo il pomodoro si possono piantare le leguminose.
CONSOCIAZIONE: fagiolino, sedano, cavolfiore, cavolo, prezzemolo, ravanelli, rapa, porro, aglio, lattuga (e altre insalate come radicchio, indivia), cicoria.
AVVERSITA’: Non sono stati riscontrati problemi di rilevo con insetti, tranne che con la nottua e la tuta absoluta. Per questi lepidotteri si è intervenuti con la cattura massale a feromoni sessuali, grazie alla quale la popolazione infestante è rimasta al di sotto del livello di preoccupazione.

Share

Caratteristiche del prodotto

Nome botanico Solanum lycopersicum L
Periodo di semina da marzo a maggio
Raccolta agosto
Durata del ciclo colturale 4 - 5 mesi
Zone di produzione Crispiano (TA)